Le meccaniche dell'infelicità


Vincitore XXVII Premio Nazionale Città Cava de' Tirreni
Vincitore VI Premio letterario nazionale "Maria Pina Natale" Messina
Finalista ai premi nazionali
alberoAndronico - Roma e Città di Arona

Sette giorni nella vita di Giacomo Andreatti, 48 anni, medico di base con l'hobby della scrittura che torna nella sua città, in seguito alla morte del vecchio padre. Sono passati venticinque anni e quel posto ha cambiato decisamente volto. Le attività economiche e politiche sono regolate da un'unica abnorme azienda-istituzione. La società è militarizzata, legalizzati gli stupefacenti, vietata ogni pratica sportiva, abolita ogni forma di imprenditoria privata. Ciononostante, ogni cosa è ammantata da una patina di apparente democrazia.

Tornare nei luoghi della gioventù aiuta Giacomo a fare chiarezza su alcune zone d'ombra del suo passato. I protagonisti sono ancora gli stessi: Giorgio, il fratello, candidato alla carica di Governatore, sua moglie Laura e soprattutto Elisa, forse il vero, unico amore della sua vita. La gretta realtà provinciale fatta di giochi di potere, di sordide alleanze, di allegre commistioni tra politica, imprenditoria, stampa e religione lo accoglie a braccia aperte, lo provoca, lo bracca. Lo costringe a ricordare. Verrà così a galla una verità sconvolgente, di fronte alla quale Giacomo dovrà prendere una difficile decisione.

A quattro anni dal corrosivo "Teroldego", Pino Loperfido ci regala un romanzo moderno che questa volta non rinuncia a una forma letteraria classica. La sua forza, più che nel monito etico-politico, sta nella cupa riflessione sulla natura umana, su quel lato debole e nero da cui nessuno può dirsi immune, quel pizzico di Grande Fratello che condiziona chiunque.

"Le meccaniche dell'infelicità" è un saggio sulla nostra mortalità, ma anche la storia di una redenzione. Un libro che non intende predire il futuro, ma solamente scongiurarlo.

pagine 416, Euro 15,00
ISBN 978-8889898-80-2 formato 15x22 cm.

Acquista